top of page

Lotta alla dispersione scolastica: Acli Catania con “Fuoriclasse!” dal doposcuola a spazi di confronto

CATANIA – Un progetto delle Acli Catania, finanziato dai fondi Next Generation EU, che mira a contrastare la povertà educativa con l’obiettivo di supportare i minori in situazioni di disagio e a rischio dispersione scolastica.


Sono state già avviate le attività di “Fuoriclasse!”, che vede il coinvolgimento di studenti dell’I.C. Statale “Livio Tempesta” di Catania in collaborazione con il Comune di Catania, L.S. Finance s.r.l., Educational Center SAS Impresa Sociale, TEAM Ti Educa A Migliorare.

Il progetto e le attività laboratoriali programmate hanno l’obiettivo di contrastare l’abbandono scolastico ed il fenomeno dei NEET, promuovendo, da un lato, il miglioramento dell’offerta formativa e, dall’altro, promuovendo azioni congiunte “dentro e fuori la scuola” che favoriscano il riavvicinamento dei ragazzi che hanno abbandonato gli studi o che presentano forti rischi di dispersione scolastica.


Tra i laboratori avviati presso l’Istituto Scolastico Statale “Livio Tempesta”, ubicato nel quartiere di San Cristoforo, quello motivazionale che ha l’obiettivo di promuovere la motivazione allo studio, valorizzare le competenze e rafforzare l’autostima. Nel corso degli incontri sono affrontati i temi della dispersione scolastica e del diritto allo studio facendo particolare attenzione all’ascolto attivo, al dialogo ed al protagonismo dei ragazzi.

Il laboratorio di recupero e sviluppo degli apprendimenti,  mira invece a colmare i gap formativi presenti negli studenti di cui i docenti segnalano difficoltà di apprendimento ed insuccessi formativi, oltre che ritardi ed irregolarità nelle frequenze. In particolare il laboratorio è destinato agli studenti che, in vista degli esami di terza media, si accingono a preparare la tesina. 


Con il laboratorio di orientamento psicoattitudinale e socio-relazionale si è dato spazio ad attività teatrali: il teatro diventa espressione delle inclinazioni e delle aspirazioni dei ragazzi.

Con i laboratori professionalizzanti si cerca di promuovere il coinvolgimento attivo, consapevole e responsabile degli studenti e delle famiglie nella costruzione di progetti formativi: tra questi il laboratorio esperienziale dove si esplorano le professioni con l’obiettivo di farle conoscere utilizzando il metodo dell’espressione corporea.  

Grazie ai laboratori STEM si stanno realizzando, inoltre, all’interno della scuolaspazi laboratoriali con dotazione di strumenti digitali per l’apprendimento curricolare e l’insegnamento delle discipline STEM, dotati in particolare di strumenti per l’osservazione, l’elaborazione scientifica e l’esplorazione tridimensionale in realtà aumentata.


Non da meno l’importanza dello “Sportello Ascolto” dedicato alle famiglie degli studenti coinvolti: l’obiettivo principale è quello di realizzare spazi di incontro finalizzati all’attivazione di processi di integrazione e sviluppo sociale per incentivare una maggiore responsabilizzazione delle famiglie. Le attività prevedono il coinvolgimento degli studenti dell’I.C. Livio Tempesta e sono numerose le figure professionali coinvolte tra psicologi, educatori, docenti, animatori, assistenti sociali e formatori.



16 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page